Tor San Lorenzo (RM) - Terza giornata di gare: Juventus prima semifinalista, all’Inter il big match col Barcellona. Vincono anche Lazio e Lodigiani

Dodici gol e tante conferme nella terza giornata di gare del Memorial Cristina Varani, torneo internazionale riservato ai Giovanissimi 2004 e in corso di svolgimento alla Pineta dei Liberti di Tor San Lorenzo. Il big match che ha aperto il pomeriggio ha fatto registrare la convincente affermazione dell’Inter ai danni del Barcellona nel remake della finale del 2015. A seguire la Lazio ha ottenuto i primi tre punti della sua partecipazione, imponendosi di misura sull’Urbetevere. Il girone B ha invece estratto il nome della prima semifinalista della kermesse. Si tratta della Juventus, vittoriosa in scioltezza sugli statunitensi del Weston e ormai irraggiungibile da almeno tre delle sue quattro avversarie. In casa bianconera si segnala anche la settima realizzazione personale di Condello, che appaia così l’interista Marise in cima alla classifica dei cannonieri. A seguire la Lodigiani ha disposto in rimonta della Racing Club Fondi.
Domani è in calendario la quarta e penultima giornata delle eliminatorie, inaugurata alle 15 da Racing Club Fondi-Roma e seguita da Lodigiani-Weston, match che completa il quadro del secondo raggruppamento. Alle 18 scocca l’ora del girone A, con Lazio-Racing Club e Urbetevere-Inter (19.30) a chiudere il programma.
Gli aggiornamenti in tempo reale sono garantiti dal sito www.memorialcristinavarani.com , dalla pagina Facebook e dai profili Twitter e Instagram dedicati all’appuntamento. Sul portale sono già presenti cronache e sintesi video delle partite giocate finora. È inoltre attivo il cliccatissimo canale YouTube dedicato alla manifestazione, sul quale saranno inseriti tutti i servizi dei match, le interviste e la top five delle reti di giornata.

Risultati e classifiche
Risultati 1^ Giornata – 29 agosto: Inter-Racing Club 21-0 (gir. A); Urbetevere-Barcellona 0-2 (A); Weston-Roma 1-2 (B); Lodigiani-Juventus 0-2 (B)
Risultati 2^ Giornata – 30 agosto: Juventus-Racing Club Fondi 18-0 (B); Lodigiani-Roma 0-7 (B); Barcellona-Lazio 2-1 (A); Racing Club-Urbetevere 0-10 (A)
3^ Giornata –31 agosto: Inter-Barcellona 3-1 (A); Lazio-Urbetevere 1-0 (A); Weston-Juventus 0-3 (B); Racing Club Fondi-Lodigiani 1-3 (B)
Classifica girone A: Inter 6, Barcellona 6, Lazio 3, Urbetevere 3, Racing Club 0
Classifica girone B: Juventus 6, Roma 6, Lodigiani 3, Weston 0, Racing Club Fondi 0

Il calendario completo del torneo
4^ Giornata – 1 settembre: Racing Club Fondi-Roma (B, 15); Lodigiani-Weston (B, 16.30); Lazio-Racing Club (A, 18); Urbetevere-Inter (A, 19.30)
5^ Giornata – 2 settembre: Inter-Lazio (A, 15); Racing Club-Barcellona (A, 16.30); Weston-Racing Club Fondi (B, 18); Roma-Juventus (B, 19.30)
Semifinali – 3 settembre: 1^ Gir. A - 2^. Gir. B (9.00); 1^ Gir. B – 2^ Gir. A (10.45)
Finali – 3 settembre: 3° - 4° posto (17.00); 1° - 2° posto (19.00)

Classifica marcatori
7 reti: Marise (FC Internazionale), Condello (Juventus FC),
6 reti: Galante (Juventus FC)
4 reti: Savane (FC Internazionale), Rossi L. (AS Roma), Borni (Urbetevere Calcio)
3 reti: D’Oratiotto (FC Internazionale), Ventre (Juventus FC), Liburdi (AS Roma)
2 reti: Páez Gavira (FC Barcelona), Gatti (FC Internazionale), Saracino (FC Internazionale), Costanza (Juventus FC), Botticelli (SS Lazio), Abdalla (ASD Lodigiani Calcio), Legnante (Urbetevere Calcio), Stefanacci (Urbetevere Calcio)
1 rete: Jan Coca Ausin (FC Barcelona), Garrido Cañizares (FC Barcelona), Planas Cruz (FC Barcelona), Bonavita (FC Internazionale), Cugola (FC Internazionale), Maffi (FC Internazionale), Pelamatti (FC Internazionale), Perin (FC Internazionale), Sarr (FC Internazionale), Basili (Juventus FC), Blesio (Juventus FC), Hasa (Juventus FC), Ledonne (Juventus FC), Marangoni (Juventus FC), Luciani (ASD Lodigiani Calcio), Crespi (SS Racing Fondi), D’Alessio L. (AS Roma), Ruggiero (AS Roma), Campana (Urbetevere Calcio), Menchinelli (Urbetevere Calcio), Cuartas Munoz (Weston FC)

INTER-BARCELLONA 3-1
FC INTERNAZIONALE (4-4-2): Bonucci; Marocco, Trubia, Cugola, Perin; Maffi (56’ Menegatti), Savane, Bonavita (56’ Gatti), Pelamatti; Doratiotto (46’ Marise), Sarr (46’ Curatolo). A disp.: Malavindi, Castoldi, Uberti. All.: Mandelli
FC BARCELONA (4-3-3): Martínez Salamanca (36’ Ramos Pinazo); López Sánchez-Migallón (36’ Jurado Gómez), Almeida Crespo, González Carreras (36’ Casas Arcas), Larrios López; Caravaca Comino, Capdevila Puigmal (36’ Garrido Cañizares), Páez Gavira; Segarra González (36’ Bobi Chamorro), Planas Cruz (31’ Jan Coca Ausin), Akhomach Chakkour (51’ Jordi Coca Ausin). All.: Martínez Novell
ARBITRO: Sapone di Aprilia
MARCATORI: 9’ Bonavita (FC Internazionale), 23’ Cugola (FC Internazionale), 35’ Pelamatti (FC Internazionale), 40’ Jan Coca Ausin (FC Barcelona)
NOTE: Al 20’ Martínez Salamanca (FC Barcelona) ha parato un calcio di rigore a Bonavita (FC Internazionale). Ammoniti: 19’ Martínez Salamanca (FC Barcelona), 30’ Bonavita (FC Internazionale), 35+1’ Doratiotto (FC Internazionale), 39’ Trubia (FC Internazionale), 62’ Gatti (FC Internazionale), 65’ Marocco (FC Internazionale). Angoli: 4-3. Recupero: 1’pt, 3’st.
L’Inter si aggiudica lo scontro stellare con il Barcellona, aggancia gli azulgrana al primo posto del girone A e, con una partita in meno giocata (i nerazzurri hanno già osservato il turno di riposo imposto dal calendario ad ognuna delle partecipanti), ne prenota il primo posto. Impressionante la prova di forza offerta dai ragazzi di Mandelli nella riedizione della finalissima del 2015, vinta allora dopo i tempi supplementari. I catalani vengono infatti annichiliti in appena una frazione, chiusa dall’Inter in vantaggio di tre reti e col malus di un rigore sbagliato. Bonavita, dopo averci provato due volte da fermo trovando le opposizioni in due tempo del portiere avversario Martinez, fa centro al terzo tentativo: è il 9′ quando il capitano si avventa sulla corta respinta della difesa spagnola, aggancia in corsa al limite dell’area di rigore, supera un avversario con un lob e trafigge Martinez con una conclusione di contro balzo che si spegne nel sette alla sua sinistra. Incassato il colpo, i ragazzi di Martinez Novell non hanno idee e spazi per attuare il loro calcio manovrato e finiscono subissati dalla prepotenza di un Inter straripante per condizione fisica e lucidità. Al 19′ D’Oratiotto gioca alla ceca in direzione di Pelamatti, Lopez Sanchez difetta nel controllo e permette al numero 11 di impossessarsi di una sfera che Martinez gli sottrae travolgendolo in piena area di rigore. Sapone indica il dischetto, ma Bonavita si fa ipnotizzare da Martinez che intuisce l’angolo (alla sua destra) e ne blocca addirittura la conclusione. Il raddoppio è però nell’aria e matura, puntuale, tre giri di lancette, quando Cugola si traveste da centravanti di razza e risolve con un guizzo una mischia generata sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Prima del riposo arriva anche la terza segnatura nerazzurra, con Pelamatti che dai 25 metri esplode un mancino che sorprende Martinez fuori posizione.
Nella ripresa la squadra di Mandelli si abbassa rinunciando, di fatto, a pungere di rimessa, e infondendo coraggio a un Barça che, senza più niente da perdere, si riversa in massa nella metà campo avversaria. Al 4′ arriva la rete di Jordi Coca, glaciale nel trafiggere da distanza ravvicinata Bonucci sull’assist del solito Paez. La pressione operata da Caravaca e compagni non si traduce in occasioni concrete, ad eccezione di quella creata sugli sviluppi di una punizione calciata da Jordi Coca e corretta clamorosamente sul fondo, da posizione favorevole, da Paez Gavira.

LAZIO-URBETEVERE 1-0
SS LAZIO (4-3-1-2): Morsa; Bedini, Del Vescovo (61’ Vecchi), Quaresima, Nannini (68’ Nuccorini); Rossi G. (C) (65’ Minelli), Carboni, Napolitano (53’ Marafini); Cherubini; Botticelli, Serafini (53’ Gennari).
A disp.: Rossi M., Francia. All.: Alboni
ASD URBETEVERE CALCIO (4-4-2): Della Sala; Gagliardi, Chillè, Campana (69’ Lo Schiavo), Cupellaro; Mercurio (46’ Croci), Menchinelli (60’ Capozzi), Capuano (22’ Rimella), Legnante (C); Giuncato (39’ Vetere), Borni.
A disp.: Bindi, Buffa. All.: Barba
ARBITRO: Teodoli di Aprilia
MARCATORI: 9’ Botticelli (SS Lazio)
NOTE: Al 15’ Legnante (Urbetevere Calcio) ha fallito un calcio di rigore. Ammoniti: 26’ Quaresima (SS Lazio), 27’ Cherubini (SS Lazio), 32’ Carboni (SS Lazio), 56’ Vetere (Urbetevere Calcio), 63’ Vecchi (SS Lazio), 70+5’ Morsa (SS Lazio), 70+5’ Gennari (SS Lazio). Angoli: 2-5. Recupero: 1’pt, 5’st.
La Lazio incamera i primi tre punti del suo Memorial Varani sconfiggendo di misura l’Urbetevere e mantenendo in piedi, dopo il rovescio al debutto col Barcellona, le speranze di qualificarsi per le semifinali di domenica. Ancora una sconfitta onorevole per i canarini di Barba che, come era già successo loro contro la Juventus, portano via complimenti ma non punti da una gara giocata ad armi pari con una professionista.
A decidere la sfida la seconda rete nella rassegna del centravanti biancoceleste Botticelli, a segno al 9′ con una precisa staffilata mancina dal limite dell’area di rigore. Un minuto più tardi seconda chance per la compagine di Alboni, con Napolitano che sublima una percussione per vie centrali con una bordata che si spegne tra le braccia di Della Sala. Per annotare la prima iniziativa gialloblu occorre attendere soltanto 180 secondi: tanti ne impiega Mercurio per trovare il varco giusto sulla destra e impegnare Morsa con una botta in diagonale. Al 17′ pregevole iniziativa di Bedini: il terzino laziale si incunea sull’out sinistro, converge verso il centro e scaglia un tiro che Della Sala alza sopra la traversa per evitare problemi maggiore. Nella ripresa l’Urbetevere intensifica la pressione ma il suo forcing non ha successo. La banda Barba, infatti, resta al palo, quello scheggiato dal dischetto da capitan Legnante, al quale non basta procurarsi un penalty e spiazzare Morsa per far esultare i suoi. Nel finale applausi per Botticelli, autore di una spettacolare rovesciata che trova l’opposizione di Della Sala, e proteste Urbetevere per un contatto in area di rigore, con protagonista Vetere, in pieno recupero.

WESTON-JUVENTUS 0-3
WESTON FC (4-5-1): Delgado (36’ Natoli M.); Chaparro (50’ Dirksz), Han (C), Bastias Canaro, Allen; Ziegler (36 Francis), Teruel (36’ Natoli L.), Mondragon, Perez, Cuartas; Amaya (36’ Pierantozzi). All.: Gubellini
JUVENTUS FC (4-3-1-2): Scaglia; Kayode (55’ Piras), Dellavalle (C), Antolini, Blesio; Basili (36’ Bellocco), Costanza; Ventre, Ledonne (43’ Hasa), Ventre (43’ Pellitteri); Galante (49’ Marangoni). A disp.: Cordaro, Ghiardelli. All.: Panzanaro
ARBITRO: Oderi di Aprilia
MARCATORI: 20’ Ventre (Juventus FC), 38’ Condello (Juventus FC), 65’ Blesio (Juventus FC)
NOTE: Angoli: 0-4. Recupero: 3’st.
La Juventus è la prima squadra qualificata alle semifinali della terza edizione del Memorial Cristina Varani. Grazie al successo ottenuto contro gli statunitensi, terzo consecutivo in altrettante gare giocate, la compagine di Panzanaro diventa automaticamente irraggiungibile dagli statunitensi e dalla Lodigiani, con la Racing Fondi già sotto nello scontro diretto ancor prima di scendere in campo contro i capitolini. Dopo aver rischiato in avvio su Cuartas, sul cui fendente indirizzato all’incrocio dei pali servono tutti i centimetri e i riflessi a disposizione di Scaglia, i bianconeri passano all’incasso con Ventre, rapace nel tradurre alle spalle di Natoli Luciano un traversone ben calibrato di Blesio dall’out mancino. Sbloccato il parziale Dellavalle e compagni non concedono più nulla agli avversari, legittimando il vantaggio con una sequela infinita di occasioni. Se Costanza e Galante difettano nella mira, a mettere tutti d’accordo ci pensa Condello, che in apertura di ripresa mette in naftalina punteggio e qualificazione. Nel finale c’è gloria anche per Blesio, che trova una meritata gioia con una gran botta sul primo palo al culmine di un assolo personale.

RACING CLUB FONDI-LODIGIANI 1-3
SS RACING CLUB FONDI (4-5-1): Carbonetti; Amata, Fatta (40’ Gentile), Magni (C), Longhi; Simeone (37’ Nolano), Varano (54’ Di Martino), Bussacchetti (46’ Di Palma), Proia (51’ Perillo), Oliviero (40’ Micaloni); Crespi. A disp.: Neroni. All.: Risoldi
ASD LODIGIANI CALCIO (4-3-3): Pirrone; Facioni (44’ Chialastri), Perez, Igini, Merola (46’ Tucciarelli); Luciani (54’ De Angelis), Dantoni (C), Timpani (51’ Lulli); Abdalla, Del Canuto (59’ Di Bernardini), Bartolini (36’ Limongelli). A disp.: Vicini. All.: Babini
ARBITRO: De Cupis di Aprilia
MARCATORI: 5’ Crespi (SS Racing Fondi), 7’ Abdalla (ASD Lodigiani Calcio), 15’ Luciani (ASD Lodigiani Calcio), 70’+4′ Abdalla (ASD Lodigiani Calcio)
NOTE: Ammoniti: 18’ Crespi (SS Racing Fondi), 29’ Simeone (SS Racing Fondi), 57’ Chialastri (ASD Lodigiani Calcio), 67’ Abdalla (ASD Lodigiani Calcio). Angoli: 1-4. Recupero: 4’st.
La Lodigiani muove la classifica disponendo, in rimonta, della Racing Club Fondi. Avvio scoppiettante dell’ultima sfida di giornata, che metteva di fronte due squadre con poche speranze di riaprire il discorso semifinali e tanta voglia di mettersi in mostra. Al primo vero affondo, al 5′, i pontini passano in vantaggio con Crespi, che raccoglie un suggerimento dalle retrovie, scarta Pirrone, e deposita in fondo al sacco a porta sguarnita. Immediata la reazione capitolina con Abdalla, che trova il pareggio con la conclusione di pregevole fattura di Abdalla. La rimonta della squadra di Babini si completa allo scoccare del quarto d’ora grazie all’eurogol di Luciani. La seconda frazione si conclude con lo stesso punteggio della prima, ma stavolta nel conto dei legni. La Racing lo centra con l’indemoniato Crespi dalla distanza, la Lodigiani fa vibrare il montante alla destra di Carbonetti con Del Canuto e Limongelli. Nel finale Abdalla mette il punto esclamativo con un diagonale destro che bacia la faccia interna del palo prima di insaccarsi.
 

e-max.it: your social media marketing partner