Imparare ad imparare di Papa Francesco - Riflessioni sui temi dell'educazione. In libreria dal 28 settembre

A cura di Lucio Coco Prefazione di Valeria Fedeli Ministra dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

«Sono fermamente convinta che si debba e si possa rilanciare un patto educativo tra scuola, genitori e società. Un patto che metta al centro le studentesse e gli studenti, che riconosca e valorizzi (anche in termini economici) il ruolo fondamentale delle e dei docenti, un patto che sia fondato sulla consapevolezza che la formazione delle nuove generazioni è un investimento decisivo non solo per lo sviluppo personale delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi, ma per il futuro dell’intero Paese».
Valeria Fedeli

La centralità della scuola nella società è un fatto non irrilevante che papa Francesco ribadisce continuamente e questo non per fare di essa un luogo dove si accumulano saperi, ma un centro dove si sviluppano valori e verità di vita. «La scuola ci insegna a capire la realtà. Andare a scuola significa aprire la mente e il cuore alla realtà, nella ricchezza dei suoi aspetti, delle sue dimensioni. E questo è bellissimo! Nei primi anni si impara a 360 gradi, poi piano piano si approfondisce un indirizzo e infine ci si specializza. Ma se uno ha imparato a imparare, – è questo il segreto, imparare ad imparare! – questo gli rimane per sempre, rimane una persona aperta alla realtà!» (Francesco) Ma la scuola è anche un punto d'incontro, uno spazio di aggregazione. Svolge cioè un importante ruolo nel cammino di crescita di un giovane. «La famiglia – spiega il papa – è il primo nucleo di relazioni». Tuttavia è a scuola che si fa esperienza della socializzazione, perché si frequentano persone diverse «per età, per cultura, per origine, per capacità. La scuola è la prima società che integra la famiglia». Ma c'è ancora un altro livello che giustifica la centralità della scuola nella società: quello della formazione non solo ai saperi e allo sviluppo delle relazioni ma anche quello dell'educazione ai valori: «Si educa – afferma il papa – per conoscere tante cose, cioè tanti contenuti importanti, per avere certe abitudini e anche per assumere i valori». Chi è impegnato nel mondo della scuola ha dunque il compito di condurre i giovani all'acquisizione di una dimensione morale e di una realtà di valori che possono rappresentare il vero orientamento e un'autentica bussola nella complessità del mondo contemporaneo. Questo libro è stato realizzato proprio con l'intenzione di mostrare questo percorso, questa “missione” che le riflessioni di papa Bergoglio mettono bene in evidenza nel corso di diversi interventi fatti negli anni del pontificato sul tema della scuola.

Autore
Papa Francesco
Curatore
Lucio Coco, docente e autore di diverse pubblicazioni nel settore della spiritualità cristiana antica e
moderna, ha dedicato la sua attenzione anche al magistero dei pontefici. Di papa Francesco ha curato varie
raccolte di pensieri sui temi della misericordia, dell'accoglienza, dei giovani e del dialogo tra le fedi.
 

e-max.it: your social media marketing partner