Eiaculazione precoce Dott.ssa Agnese Eleuteri

Per Eiaculazione Precoce (EP) si intende una eiaculazione che avviene prima che il soggetto la desideri. Nella varieta' della sessualita' non possiamo stabilire un tempo ''€œ giusto ''€ o ''€œ minimo''€ rispetto alla durata del rapporto e dell'€™eiaculazione.

La problematica sussiste se diventa un distress per il soggetto. Infatti, per parlare di Eiaculazione Precoce, l'€™anomalia deve causare notevole disagio o difficolta' interpersonali ed essa non deve essere dovuta esclusivamente agli effetti diretti di una qualche sostanza. Non esiste un criterio preciso, ne' sintomi precisi, per definire

quando si possa parlare di vera e propria EP; si potrebbe prendere come punto di riferimento l'€™impossibilita' di controllo dell'€™eiaculazione.

La dimestichezza con la propria erezione ed eiaculazione si acquisisce con l'€™esperienza, quindi i giovani potrebbero maggiormente vivere esperienze dove non vi e' controllo dell'€™atto ma non dobbiamo necessariamente pensare a qualcosa di rilevante dal punto di vista medico.
Come in tutti i disturbi sessuologici possiamo definirli rispetto alla presenza e frequenza del sintomo: '' e' presente da sempre o vi e' un esordio dopo un periodo di funzionamento adeguato? '' €œQuesta domanda pu' portarci a riflettere sulla natura della causa della patologia.
Le cause dell'€™eiaculazione precoce sono, nella maggioranza dei casi, di natura psicogena. Esistono rari casi di precocita' eiaculatoria, generalmente transitoria, connessi a cause organiche quali: anomalie anatomiche del frenulo, stati infiammatori, uretriti, vescicoliti, prostatiti, sclerosi multipla, tumori midollari, stress o ipertiroidismo.

Tali condizioni, pero' sono generalmente evidenti, poiche'ƒƒƒƒƒ comportano altri sintomi oltre alle eiaculazioni precoci.
Una volta escluse le cause di natura biologica, la cura dell'€™eiaculazione precoce si concentra sugli aspetti psicogeni, attraverso un intervento sessuologico integrato.
E'ƒƒ‚€™ bene ricordare sempre quanto sia importante la valutazione di un approccio integrato rispetto ai disturbi sessuologici e non escludere del tutto l'€™aiuto farmacologico sotto controllo dell'€™andrologo di fiducia.

Una delle cause psicogene principali rispetto all'€™eiaculazione precoce e' da ritrovarsi nell'€™ansia. Infatti e' frequente riscontrare la difficolta' da parte dei pazienti di vivere la sessualita'in maniera assertiva: come se volessero porre fine velocemente all'€™atto.

L'€™intervento psicosessuologico sara'diverso a seconda della situazione relazionale dell'ƒƒƒƒƒƒ‚€™uomo: se si trova in una relazione, e' bene coinvolgere la partner poiche' il disturbo potrebbe essere legato ad aspetti relazionali, sottolineando come il sintomo possa aver modificato gli equilibri all'€™interno della coppia stessa.

La terapia sessuologica si basa su tecniche mansionali. Implica una serie di prescrizioni ben precise e di esercizi da eseguire insieme al partner, che il terapeuta suggerisce nel corso delle sedute per cercare di limitare gradualmente le eiaculazioni precoci e aumentare il senso di autocontrollo del soggetto. Si tratta di una strategia di cura molto diretta al problema, che viene affrontata attraverso specifiche tecniche, ma che non trascura, ove necessario, l'€™analisi di aspetti psicologici piu' profondi, connessi alla struttura di personalita'del soggetto, alle sue relazioni, alle sue idee e convinzioni relative alla sessualita', alla sua storia di vita ed al contesto socio-culturale in cui e' cresciuto.

Per chiarimenti e approfondimenti :

Dr. ssa A. Eleuteri, psicologa, sessuologa
Studio Medico,Pomezia via Roma 139 tel 06.910.70.50

e-max.it: your social media marketing partner