I Metodi Anticoncezionali Dr.ssa Agnese Eleuteri

Per “metodo anticoncezionale” si intendono tutti i metodi validi atti ad impedire la fecondazione dell'ovulo al fine di compiere una scelta consapevole rispetto alla procreazione e di tutelare la propria salute. Infatti, si usano per prevenire una gravidanza (indesiderata) e come protezione nei confronti di malattie sessualmente trasmissibili.  La scelta del metodo contraccettivo è molto importante e, qualora vi fosse una relazione stabile, sarebbe opportuno parlarne e scegliere insieme. Avvalersi di metodi contraccettivi appropriati - quando una gravidanza inattesa costituirebbe un problema - è sinonimo di consapevolezza e maturità. La scelta di una pratica contraccettiva piuttosto che un'altra è chiaramente soggettiva, e dipende dalla sua efficacia, dalla praticità e dalla percezione del rischio che la coppia associa al verificarsi di una gravidanza non prevista. Nella scelta si deve tenere comunque in considerazione la possibilità reale di contrarre malattie sessualmente trasmissibili, evenienza probabile in caso di rapporti non protetti con partner multipli ed occasionali.

Per far fronte alle problematiche appena descritte, sono stati identificati alcuni requisiti che un metodo contraccettivo "perfetto" dovrebbe possedere:

Protezione da gravidanze indesiderate a malattie sessualmente trasmissibili;
Semplicità e praticità di utilizzo;
Scarsi effetti collaterali;
Reversibilità;
Scarsa percezione durante il rapporto;
Facile reperibilità.

Ad oggi, gli anticoncezionali ad oggi possono essere suddivisi in:

-metodi a barriera/ meccanici
-metodi ormonali
-metodi “naturali”

METODI A BARRIERA / MECCANICI
Nel primo gruppo possiamo inserire il più utilizzato metodo a barriera: il preservativo maschile. Il preservativo è l’unico metodo che permette una protezione sia da malattie sessualmente trasmissibili, sia da un’eventuale gravidanza indesiderata. È una guaina in lattice che deve essere applicata sul pene in erezione prima dell’inserimento nella vagina. Il preservativo va srotolato lungo tutta la sua lunghezza, avendo cura di stringere il serbatoio     I Metodi  Anticoncezionali  Dr.ssa Agnese Eleuteri 

(nella parte superiore del preservativo) tra pollice e indice per evitare che si creino bolle d'aria durante il rapporto, ipotetiche responsabili della rottura del profilattico.

Ha una potenziale efficacia del 100%, che potrebbe diminuire se non conservato o utilizzato adeguatamente.Ad oggi sul mercato è presente anche il preservativo femminile, FEMIDOM, che verrà approfondito in un prossimo articolo.La spirale o IUD (dall'inglese Intra Uterine Device) è uno strumento contraccettivo che impedisce “fisicamente” l’annidamento all’interno dell’utero di un potenziale ovulo fecondato. Infatti, la spirale è un piccolo supporto in plastica avvolto da un filo di rame (da qui il nome "spirale") che viene inserito nell'utero, solitamente durante il ciclo mestruale, da un ginecologo .

I Metodi  Anticoncezionali  Dr.ssa Agnese Eleuteri

Ad oggi sul mercato esistono delle spirali “medicate” che oltre ad impedire fisicamente la gravidanza, rilasciano ormoni (progesterone) in piccole quantità. Il funzionamento è paragonabile a quello di un metodo anticoncezionale ormonale.Generalmente può essere utilizzato per un periodo che va da tre a cinque anni a seconda del modello. Può essere rimosso in qualsiasi momento senza particolari interventi , dal ginecologo.

I Metodi  Anticoncezionali  Dr.ssa Agnese Eleuteri

Il diaframma è una calotta di lattice che va inserita prima di ogni rapporto, associandola a degli spermicidi (sotto forma di spugnette, gel, creme o supposte). Non assicura una garanzia di protezione dalle gravidanze né dalla trasmissione delle malattie sessualmente trasmissibili.In Italia, il diaframma è un metodo anticoncezionale ormai in disuso, soprattutto perché non del tutto affidabile; inoltre presuppone una conoscenza del proprio corpo per l’inserimento

METODI ORMONALI

I contraccettivi ormonali funzionano inibendo l'ovulazione e la fecondazione. Essi sono disponibili in una serie di forme diverse.
La più famosa è la pillola anticoncezionale, che viene assunta quotidianamente per bocca; poi possiamo considerare tra questi la spirale medicata di cui sopra; il cerotto e l’anello vaginale.

I Metodi  Anticoncezionali  Dr.ssa Agnese Eleuteri

Questi metodi anticoncezionali hanno una alta efficacia se utilizzati correttamente e necessitano di un controllo medico ginecologico e la prescrizione.I metodi ormonali prevengono una gravidanza indesiderata ma non proteggono dalle malattie sessualmente trasmissibili.

METODI CONTRACCETTIVI NATURALI

Per metodi contraccettivi naturali intendiamo i metodi che mirano all’individuazione del momento esatto in cui avviene l’ovulazione, e prevedono l’astensione dai rapporti sessuali 3-4 giorni, prima e dopo, dell’ovulazione stessa. Questi metodi naturali non hanno effetti collaterali né controindicazioni, ma la loro sicurezza è molto bassa per la variabilità dell’ovulazione e del ciclo mestruale.Tra i metodi contraccettivi naturali possiamo annoverare anche il coito interrotto, cioè la fuoriuscita del pene dalla vagina prima dell’eiaculazione, nel tentativo di evitare il contatto diretto dello sperma con quest'ultima. Questa pratica, pur essendo ancora molto diffusa, non assicura alcun tipo di difesa dal punto di vista della prevenzione delle malattie veneree e la sua efficacia contraccettiva è molto scarsa, poiché diversi studi sottolineano la possibilità di una fuoriuscita di sperma pre- eiaculazione. E’ importante sottolineare quanto la scelta personale e di coppia del metodo contraccettivo sia un passo rilevante per vivere al meglio una sessualità serena, consapevole ed in salute. Non si deve correre il rischio di sottovalutare il valore della decisione in merito, scegliendo il metodo più adatto alle proprie esigenze e necessità.

Per chiarimenti e approfondimenti :

Dr. ssa A. Eleuteri, psicologa, sessuologa
Studio Medico,Pomezia via Roma 139 tel 06.910.70.50

 
 
 
e-max.it: your social media marketing partner