Pomezia, Fucci vuole correre per il secondo mandato, ma il M5S lo sfiducia

Dalle stelle alle stalle. E’ il caso del primo cittadino di Pomezia, Fabio Fucci, uno dei primi sindaci eletti dal Movimento 5 Stelle, e considerato come uno degli esempi da seguire. Fucci, che tra l’altro fino a pochi mesi fa veniva indicato anche come futuro Ministro in un possibile Governo a guida 5 Stelle, è stato sfiduciato dal suo movimento. Il motivo? La volontà del primo cittadino di voler correre per un secondo mandato da sindaco. Cosa che parrebbe naturale, ma che in questo caso contrasta con le regole del Movimento 5 Stelle. Infatti, Fucci era stato già consigliere comunale di opposizione nella tornata precedente. Secondo il M5S un attivista non può essere eletto per più di due mandati consecutivi, anche se si tratta di situazioni completamente diverse (in questo caso consigliere comunale prima e sindaco poi).


Fucci però ha deciso di andare avanti e, contro le regole del movimento, si ricandiderà. Sotto quale insegna però? I 5 Stelle hanno già fatto sapere che non ci stanno. Gli esponenti più autorevoli del Movimento, tra cui Luigi Di Maio, hanno fatto chiaramente capire che se andrà avanti il primo cittadino di Pomezia sarà fuori dal movimento. Per questo Fucci starebbe già pensando a una lista civica con cui candidarsi a fine mandato.

A far ulteriormente capire l’aria che tira è la netta posizione del Gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle di Pomezia, che ha lanciato al sindaco un ultimatum. “Il sindaco Fabio Fucci ha assunto una posizione totalmente fuori dall’impegno contratto con i cittadini e dai principi base del MoVimento 5 Stelle, contro tutto il gruppo di Pomezia e il metodo che ha portato la città a raggiungere gli ottimi risultati di questi anni”, scrivono in una nota, “La giunta è sempre stato il braccio operativo delle decisioni prese insieme ai consiglieri e non vogliamo che le decisioni assunte dal sindaco possano turbare l’andamento e la continuità dell’amministrazione pometina che deve arrivare al suo traguardo naturale. Pertanto, nel rispetto del programma elettorale del Movimento 5 Stelle e del mandato che ci hanno dato i cittadini, oltre alle attività già definite quali opere e servizi, ecco l’elenco degli obiettivi politici da raggiungere entro fine mandato”.

Tra gli obiettivi elencati dal M5S figurano l’approvazione del Bilancio Preventivo 2018-2020, la richiesta ad ARPA di un sopralluogo presso la Discarica di Valle Caia e l’attivazione di un presidio fisso alla stazione di Santa palomba della Polizia municipale.
“Questo per garantire il rispetto del programma e per rendere palese a tutti i cittadini, in nome di quella trasparenza che è un pilastro del MoVimento 5 Stelle, eventuali “fughe” politiche del sindaco”, concludono i consiglieri pentastellati, “In questo periodo sarà ancora più incisivo il nostro controllo sugli atti da compiere e prenderemo ogni iniziativa politica utile a contrastare eventuali decisioni prese in autonomia, fuori da quanto previsto dal programma grazie al quale Fabio Fucci è stato eletto. Se il Sindaco rinnegherà anche il programma, prendendo decisioni in autonomia, se ne assumerà le responsabilità davanti alla cittadinanza intera”.
 

e-max.it: your social media marketing partner