L’insonnia si cura anche a tavola

Pane, pasta e riso per curare l’insonnia. Ma anche lattuga, radicchio, cipolla, aglio e formaggi freschi, uova bollite, latte fresco caldo e frutta come pesche e nettarine. Sono questi alcuni degli alimenti che, secondo una ricerca presentata dalla Coldiretti, aiutano a dormire senza soffrire l’insonnia.I veri nemici del dolce riposo sono soprattutto gli alimenti conditi con molto pepe e sale, ma anche con curry, paprika e anche patatine in sacchetto, salatini, alimenti in scatola e minestre con dado da cucina. Prestare attenzione anche a caffè e superalcolici come anche agli alimenti in scatola che garantiscono praticità in cucina, considerati a rischio sonno. Il trucco per dormire, spiega la Coldiretti, consiste nello scegliere alimenti che contengono un aminoacido, il triptofano, che favorisce la sintesi della serotonina, il neuromediatore del benessere e il neurotrasmettitore cerebrale che stimola il rilassamento. La serotonina aumenta con il consumo di alimenti con zuccheri semplici come la frutta dolce di stagione mentre tra le verdure, ricorda ancora la Coldiretti, al primo posto la lattuga seguita da radicchio, cipolla e aglio, perché le loro spiccate proprietà sedative conciliano il sonno. Un bicchiere di latte fresco caldo, giusto prima di andare a letto, oltre a diminuire l'acidità gastrica che può interrompere il sonno, fa entrare in circolo durante la digestione elementi che favoriscono una buona dormita. Infine, conclude la Coldiretti, un buon dolcetto con carboidrati semplici ha un'azione antistress, così come infusi e tisane dolcificati con miele.

Marialuisa Roscino
 

e-max.it: your social media marketing partner