Mele: il frutto della salute. Scopriamo insieme tutti i benefici e le proprietà curative

Proprio tutti siamo cresciuti con il famoso detto: ‘Una mela al giorno, toglie il medico di torno’. Il famoso detto popolare ha un fondamento vero: la mela è considerata infatti un farmaco della natura, un rimedio per tantissimi problemi. Innanzitutto occorre dire che questo frutto contiene pochissime proteine e i grassi sono quasi assenti, (100 grammi di mela corrispondono a circa 40 calorie, 10 grammi di zuccheri e grandi quantità di potassio, vitamina B, acido citrico e acido malico). Inoltre, è presente in essa la vitamina B1, che combatte inappetenza, stanchezza e nervosismo e la B2che facilita la digestione, protegge le mucose della bocca e dell’intestino e rinforza capelli e unghie. Ma i pregi della mela non finiscono qui.

Essa è ben tollerata dai diabetici perché ha pochi zuccheri, ma non solo: contiene circa il 2% di fibre tra cui la pectina, nota per i suoi numerosi benefici. Inoltre ha il potere di “tenere sotto controllo” la glicemia, regolando quindi l’assorbimento degli zuccheri. Generalmente viene mangiata cruda e in questo caso ha un’azione astringente ma, consumata cotta, è un naturale e ottimo rimedio contro la stipsi. Gli specialisti la consigliano alle persone anziane perché è facilmente digeribile e si può consumare a fine pasto proprio per queste caratteristiche, contraddicendo alla teoria dei dietologi che suggeriscono di consumare la frutta lontano dal pranzo e dalla cena. Alcune notizie riportano anche che, chi mangia mele, respira meglio e addirittura alcuni ritengono questi benefici, superiori al consumo di agrumi (frutti per eccellenza in grado di combattere gli agenti irritanti). Infine, se consumate regolarmente, le mele abbassano il colesterolo cosiddetto “cattivo” (LDL) e aumentano quello buono (HDL) anche in pochissimo tempo e sono considerate preziose nella prevenzione di ictus e tumori.

Proprietà nutritive della mela
I nutrizionisti rilevano che in ogni 100 grammi di prodotto commestibile sono mediamente contenute: circa 85 grammi d’acqua, 0,2 grammi di proteine, 0,1 grammi di grassi, 11 grammi di zuccheri di diverso tipo, tra cui fruttosio, glucosio, e saccarosio, 2 grammi di fibre, per un totale di circa 45-50 calorie, e circa 4 grammi di sali minerali tra cui potassio, zolfo, fosforo, calcio, magnesio, sodio, ferro, oltre a tracce di rame, iodio, zinco manganese, e silicio. La mela è ricca anche di vitamine: C, PP, B1; B2, A, e contiene inoltre acido malico (circa 0,6-1,3 grammi). Sia nella polpa che nella buccia sono inoltre presenti eteri, tannini, alcoli, aldeidi e un elevato numero di terpeni che rende infinitamente vario il profumo e il sapore delle mele. I valori elencati possono variare a seconda del grado di maturazione del frutto e della qualità, anche perchè in tutto il mondo oggi si contano più di mille varietà di mele”.

La buccia delle mele ha proprietà antitumorali
Uno studio americano rivela che la buccia delle mele denominate “Red Delicius”, avrebbe proprietà antitumorali. Le sostanze contenute nella buccia (triterpenoidi), avrebbero il potere di diminuire il rischio di sviluppo per alcune tipologie di tumore (fegato, colon e seno) in quanto tali sostanze svolgerebbero un’azione di contrasto per quanto riguarda le cellule tumorali e in alcuni casi sarebbero anche in grado di eliminarle. Precedenti studi avevano già dimostrato anche “l’effetto scudo” dei flavonoidi e i fenoli (contenuti nelle mele), rispetto alle cellule “atipiche”.

Le mele proteggono le ossa
Alcuni studiosi francesi hanno scoperto che solo nelle mele è contenuto un particolare tipo di flavonodi (chiamati phloridzin) in grad aumentare la densità ossea e prevenire l’osteoporosi.
Aiutano l’asma
Recenti studi hanno dimostrato che i bambini affetti d’asma che bevono succo di mela quotidianamente soffrono meno attacchi di altri che ne bevono in minor quantità e con meno regolarità. Un altro studio ha anche dimostrato che i bambini nati da mamme che durante la gravidanza hanno consumato maggior quantità di mele hanno meno probabilità di soffrire d’asma degli altri.

Prevengono l’alzheimer
La Corell University ha condotto uno studio in laboratorio, scoprendo che la quercitina contenuta nelle mele protegge le cellule cerebrali dagli attacchi di radicali liberi responsabili di questa malattia.

Abbassano il colesterolo
Grazie all’azione della pectina contenuta nelle mele si può abbassare il livello del colesterolo “cattivo” (LDL) fino al 16% mangiandone circa due al giorno – o comunque con regolarità.

Aiutano a perdere peso
Uno studio americano ha scoperto che le persone che mangiano regolarmente mele con la buccia – ricca di fibre e vitamine – si sentono sazie prima e più a lungo di chi non ne consuma, diminuendo allo stesso tempo la fame nervosa, prima causa dell’aumento di peso.

Aiutano a prevenire il cancro ai polmoni
Secondo uno studio americano condotto su circa 10.000 pazienti chi introduce la mela nella propria dieta quotidiana riduce del 50% la possibilità di ammalarsi. Ciò – spiegano i medici – è dovuto all’alta concentrazione di flavonodi naringina e quercetina contenuti nella mela.

Aiutano nella prevenzione del cancro al seno e al fegato
Studi americani condotti in laboratorio hanno scoperto che grazie all’alto contenuto di flavonodi e vitamine contenuti in questo frutto, le possibilità di ammalarsi si abbassano del 17% mangiando una mela al giorno, del 39% mangiandone tre e del 44% mangiandone ben quattro.

Aiutano nella Prevenzione del cancro al colon
Grazie all’azione mirata che la pectina svolge sulla digestione e sulla pulizia del tratto intestinale, si è scoperto che consumare succo di buccia di mela con regolarità può ridurre il rischio di ammalarsi.

Svolgono azione regolatrice sui livelli di diabete
L’alto contenuto di pectina che si trova in questo frutto provvede al fabbisogno di acido galatturonico del corpo, diminuendo la necessità di introdurre zuccheri.

Marialuisa Roscino
 

e-max.it: your social media marketing partner