Marino celebra la giornata dell’Unita’ Nazionale e la festa delle forze armate.

Si è svolta sabato 4 novembre la Cerimonia di commemorazione per i Caduti della prima Guerra mondiale.

L’Amministrazione comunale ha partecipato insieme alla comunità marinese al Corteo che ha raggiunto Piazza degli Eroi.

Il Sindaco Carlo Colizza, dopo aver deposto una corona di alloro in memoria dei caduti ha aperto la commemorazione ufficiale sottolineando l’importanza della libertà e del rispetto dello Stato, ricordando coloro che hanno sacrificato la propria vita per questi valori, senza dimenticare di elogiare il coraggio di coloro che oggi svolgono questo compito: le Forze Armate.

In seguito sono intervenuti il Presidente dell’A.N.P.P.I.A. Leopoldo Martini e uno degli ultimi eroi di Cefalonia ancora in vita, il plurimedagliato Alberto di Bernardini che grazie alle loro testimonianze hanno fatto rivivere ai presenti le emozioni più vere e tristi della guerra.

Guerra che ha condannato fermamente anche il Parroco della Chiesa della Santissima Trinità Don Faustino nella sua preghiera in suffragio delle vittime.


Il Sindaco ha poi preso parte alla manifestazione promossa da Fratelli d’Italia, alla quale era stato invitato, che si è svolta presso la Lapide ai Caduti marinesi della Prima Guerra Mondiale che si trova al Barco Colonna, in mezzo al Bosco Ferentano, oggetto di bonifica e di sistemazione nei giorni antecedenti la ricorrenza da parte del Comune di Marino, bonifica alla quale hanno voluto partecipare anche i membri di F.lli d’Italia e che è stata apprezzata dai cittadini presenti.

Qui, insieme al Consigliere Regionale di Fratelli d’Italia Giancarlo Righini e al portavoce del Partito territoriale Stefano Marconi, alla presenza del bersagliere trombettista Marino Martella, hanno deposto una corona simbolica sottolineando il valore della patria che non conosce colori politici.

 

e-max.it: your social media marketing partner